Le maestre dell'asilo e delle maestre, dalla scuola Waldorf di Alicante, volevamo dare consigli e supporto, per questi giorni in cui dobbiamo stare tutti a casa, in modo più creativo, divertente e in linea con la nostra scuola; e per questo, ci siamo ispirati ad alcuni folletti. Questi goblin ci accompagneranno ogni settimana attraverso un storia e ogni storia, oltre ad essere un guaritore per la coscienza che è stata messa nella sua creazione, ci darà le indicazioni necessarie per essere più organizzati, abbiamo più risorse e portiamo l'istruzione Waldorf nelle nostre case e nelle nostre attività.

Riguardo a questi racconti, sono per voi mamme e papà. Si consiglia di non mettere la registrazione ai bambini. NOI, i folletti che l'accompagnano, ora dobbiamo trasferire tutta la nostra conoscenza a te, goblin protettivi. I nostri elfi coraggiosi e diligenti hanno bisogno di tutto ciò che accade durante la giornata per essere preparati con amore e anticipazione., bisogno, soprattutto, ritmo.

Speriamo che possiate divertirvi tutti e che vi aiuti.

Materiali:

Qui includiamo gli audio dei corros, canzoni, giochi con le dita, eccetera.

Per accedere alla lettera, clicca sul pulsante:

Accedi ai testi

Corro:

Audio:

  1. Il sole al mattino.
  2. Le scarpe di papà.
  3. Pin and pon è una bambola.
  4. siamo nani.
  5. pulcini.
  6. Terra, questi tuoi frutti ci hanno dato.
  7. Grazie.
  8. Ascolta il vento della notte
  9. Il sole vuole dormire.

video:

Giochi con le dita:

Storie:

MADRE TERRA E FIGLI RADICI

Tutto il lungo inverno, i bambini root dormono sottoterra. "Svegliatevi piccoli, è tempo; molto presto sarà primavera". E tutti si allungano, si stropicciano gli occhi, e si pettinano i capelli arruffati con le dita.

Ora tutti insieme e di fretta tessono i propri vestiti: ago, paio di forbici, ditale e spilli; sono quasi pronti.

Dopo, uno per uno, i bambini che hanno radici nella Madre Terra indossano i loro vestiti. E tutti in linea mostrano il lavoro svolto. Lei, uno dopo l'altro, rivedili e vedi. Li dice sorridendo: "Vestiti in fretta".

Le radici dei bambini, quelli che sono più grandi, non hanno dimenticato qual è il loro compito. Prendono le spugne, le spazzole, le spazzole, e vieni coleotteri, andiamo coccinelle, c'è molto da fare!, e tutti si mettono al lavoro.

Finalmente la primavera si avvicina nei campi, e come un nastro di tanti colori escono insieme nel mondo, e i fiori cantano, insetti e piccole erbe.

Nel fitto bosco vedrai fiorire il mughetto. Il più giocherellone di tutti i bambini sorprenderà una lumaca e una graziosa viola che si nascondono dietro un grande albero.

Tutto il giorno giocano in streaming con il non ti scordar di me, e come una regina, il fiorellino della ninfea, è cullato sulla riva dai bambini.

Nei prati verdi, vicino ai campi di grano, gioca sull'erba mano nella mano, il fiore e l'insetto, Ay, quanta gioia! La primavera sta arrivando!.

Quando torna l'autunno, con il vento e la tempesta, Torneranno a casa dove la madre li riceverà dicendo: "Ora piccoli, vai a letto e dormi fino all'anno prossimo".

STORIA "LE TRE CAPRE"

(ha adattato Eva alla materna)

C'erano una volta tre caprette. I tre erano fratelli e ogni giorno andavano a fare una passeggiata in cerca di erba fresca e verde. Per arrivare al prato dove posso pascolare, dovevano attraversare un grande ponte di pietra, attraverso il quale passava un flusso turbolento e in cui viveva un orco. Un orco con una pancia grassa come una casseruola e un naso lungo come un bastone.

La prima ad attraversare è stata la capretta:

Tripi, tripi, tripi, tripi fece rumore con gli zoccoli quando l'orco si svegliò:

-Chi va oltre il ponte che vado a mettermelo nella pancia?

-Io sono la capretta che berrà l'acqua e mangerà l'erba fresca delle praterie

– Beh, devo mangiarti per cena

- No, no, no, non mangiarmi orco. Da dietro di me arriva il mio fratellino. Puoi mangiare lui che è un po' più grande.

-Ok ti lascio passare.

L'orco si ritirò e il capretto continuò il suo cammino.

Tripi, tripi, tripi, tripi

Il ragazzo medio sta arrivando.

tetto apribile, tetto apribile, tetto apribile, tetto apribile, i suoi zoccoli stavano suonando quando l'orco si svegliò:

-Chi va oltre il ponte che vado a mettermelo nella pancia?

-Sono io, il bambino di taglia media che berrò acqua e mangerò l'erba fresca delle praterie

– Beh, devo mangiarti per cena

- No, no, no, non mangiarmi orco. Dietro di me viene mio fratello maggiore. Puoi mangiare chi è più grande.

-Ok ti lascio passare.

L'orco si ritirò e il capretto continuò il suo cammino.

tetto apribile, tetto apribile, tetto apribile, tetto apribile

Poi arriva il ragazzo più grande.

Tropo, tropo, tropo, tropo, i suoi zoccoli stavano suonando quando l'orco si svegliò:

-Chi va oltre il ponte che vado a mettermelo nella pancia?

-Sono il bambino più grande che berrà acqua e mangerà l'erba fresca delle praterie

– Beh, devo mangiarti per cena

– Ti salveranno. Con le sue forti corna lo colpì un colpo e rotolò , rotolava e rotolava e la capretta andava avanti.

Tropo, tropo, tropo, tropo

I tre fratelli pascolarono erba verde fresca e quando venne la notte tornarono a casa loro.

Tripi, tripi, tripi, tripi

tetto apribile, tetto apribile, tetto apribile, tetto apribile

Tropo, tropo, tropo, tropo

I CORAGGIOSI E DILIGENTI ELFI WALDORF SCHOOL DI ALICANTE

C'erano una volta dei piccoli folletti coraggiosi e dispettosi che amavano giocare nei boschi. Quasi ogni giorno correvano senza sosta sulle sue strade pietrose. Alcuni alberi arrampicati, altri si sono divertiti a cercare insetti e tanti altri hanno fatto collezioni preziose con piccoli tesori.

I folletti adoravano il sole splendente che illuminava quasi ogni giorno, ha dato loro forza ed energia. Ma, All'improvviso, una mattina quasi primaverile, Il Guardian Goblin è apparso e ha mandato tutti i goblin alle loro case, ma solo per un po'. Non potevano lasciare le loro case finché non scoprivano qual era il grande tesoro della loro vita. Quindi hanno obbedito. Alcuni con irrequietezza, ma soprattutto con gioia, perché dovevano risolvere un grande enigma e con certezza lo sapevano, se si unissero, potrebbero prenderlo.

Il giorno dopo la grande e inaspettata visita, i folletti iniziano una nuova routine. Pochi devono alzarsi presto e c'è anche il tempo per lo stretching, le risate e gli sbadigli. I loro folletti protettivi aprono le finestre e lasciano il posto ai raggi di luce che svegliano i piccoli con una dolce carezza.

Una volta in piedi, i folletti devono fare i compiti

"Siamo goblin coraggiosi e diligenti. Ci piace cantare, ridere e ballare, ma soprattutto ci piace lavorare "

così volenteroso, Si vestono e si mettono le scarpette con l'estremità arricciata e appuntita. Piegano bene le lenzuola dove dormono la notte e mettono a lavare i panni sporchi!Se lo fanno da soli avranno raggiunto un grande traguardo!

La prossima cosa è preparare una sana colazione con gli elfi protettivi. Ma i coraggiosi goblin non possono dimenticarlo, in precedenza, le loro mani dovrebbero strofinare con acqua fresca di sorgente.

E ora sì, nel posto giusto, i piccoli folletti hanno un regno unico che è solo loro, dove tengono in ordine i loro tesori più preziosi. Non molti, ma sono tutte magiche perché, maneggiandoli con le mani, farli entrare in un mondo fantastico, di immagini uniche e creative, di divertimento, di intrattenimento… È ora di giocare, di ridere, godere
Ma, Attenzione! dopo questo momento, il disordine si è impadronito del suo regno. È ora di risolvere questo problema, senza scuse e di buon umore.

"Siamo goblin coraggiosi e diligenti. Ci piace cantare, ridere e ballare, ma soprattutto ci piace lavorare "

Goblin protettivi, preparare presto l'ambiente, Bene, è ora di schiarirti un po' la mente.: Mani piene di vernice, altri giorni di pasta di pane, altra cera d'api… la domanda è non fermarsi.

Di nuovo si lavano le mani nell'acqua fresca di quella sorgente e senza esitazione per due volte si mettono tutti a ballare. Questo è il giro che li fa sempre vibrare.

È ora di pranzo e tutto è pronto in tavola. I folletti con le natiche, presto trovano il loro posto. Già ben seduto e prima di iniziare, seguendo la voce del folletto protettivo e prestando molta attenzione, attivano le loro dita e con esse la loro imitazione.

page1image35476160 page1image35472128 page1image35476928 page1image35477120 page1image35477312 page1image35475776 page1image35477696 page1image35477888

La candela è accesa, non dovresti più alzarti e cantare le tue voci, suonerà una bella preghiera. E, finalmente, ora sì! ¡Buon profitto!".

I folletti spengono la candela, solo alla fine, ma un po' prima i ringraziamenti dovrebbero dare. Questi piccoli coraggiosi vogliono già andare a giocare, e glielo diciamo con cura, prima bisogna togliere il tavolo.

"Siamo goblin coraggiosi e diligenti. Ci piace cantare, ridere e ballare, ma soprattutto ci piace lavorare "

Finito questo compito, i folletti tornano alla loro grande sfida Hai dimenticato che hanno dovuto indovinare qual è la nostra più grande fortuna?: Pietre preziose, gioielli, oro o forse un animale? Devi pensare un po' e iniziare a correre, ballare, giocando, essere preparati. A qualsiasi gioco che permetta a questi uomini coraggiosi di muovere tutto, tutto il suo corpo. Non importa se non c'è il giardino, o un piccolo balcone, Puoi sempre adattare un pezzo della stanza.

– noi soli!, pronunciano con decisione. Bene, i nostri cari elfi vogliono ripulire la stanza.

"Siamo goblin coraggiosi e diligenti. Ci piace cantare, ridere e ballare, ma soprattutto ci piace lavorare "

Correndo si lavano, quando ascolti la canzone, com'è morbido e ben intonato, canta il folletto protettivo.

Hanno apparecchiato la tavola con entusiasmo, Bene, è un altro compito, di questi che piacciono tanto e cosa li fa divertire. L'ora dei pasti è magica, non si può dubitare, Beh, tutti in questo posto mangiano sempre insieme.

È tempo di riposare e così gli occhi possono rilassarsi, ma prima devi lavarti quei denti. - "Guarda goblin coraggioso come fa il maggiore, Beh, bisogna sempre imparare prestando molta attenzione”.
I piccoli folletti giocano quando si svegliano e tra poco chiedono già di poter fare merenda.
Arriva l'ora del bagno e tutto inizia a fermarsi, l'atmosfera è più calma e la pace comincia a regnare.

Dopo una cena leggera, vogliono lavarsi i denti, Bene, è ciò che corrisponde se sei un folletto coraggioso.

Il momento migliore arriva, ora di andare a dormire. Gli elfi protettivi ti racconteranno una breve storia in modo che i tuoi sogni siano di amore e pace. Gli angeli, anche se non li vedi lo sono anche loro. Chiudi gli occhi, Ascoltare, sentire, respira e sogna.
La notte mette il suo accento e ci dà un incontro. Non possiamo vederlo, ma tutto nasce da lì, Se dormi bene quando ti svegli, ti assicuro che la risposta che stai cercando ti arriverà come un sussurro.

FDO: I folletti di accompagnamento

 

Corso a Iscrizioni Aperte 2018-19